Cucinando come in Perú


Benvenuti cari amici, questo blog è stato realizzato per tutti gli appassionati del Perú è  sopratutto della cucina Peruviana:

"La cucina peruviana è una delle più variegate del mondo ed il Perú è il paese con il maggior numero di piatti tipici: 491, con piatti di livello equivalente a quello delle gastronomie francese, italiana, cinese e indiana.


Nella cucina peruviana si trovano almeno 5.000 anni di storia  preinca, incaica, coloniale e repubblicana. Si considerano quasi tre secoli di contributi culinari spagnoli, (influenzati inizialmente da presenza musulmana nella Penisola Iberica), i costumi gastronomici importati dagli schiavi della costa atlantica africana e la forte influenza degli usi e costumi culinari degli chef Francesci che fuggirono dalla Rivoluzione francese del loro paese per mettere radici nella capitale del Vicereame del Perú, Lima.

Importante è stata anche l'influenza dei cinesi-cantonesi, giapponesi, italiani dal XIX secolo e altri europei. Questa miscela di tradizioni e culture culinarie fa sì che la cucina peruviana abbia l'esclusiva particolarità della coesistenza di cibi e sapori appartenenti a quattro continenti, e questo dalla seconda metà del XIX secolo."
Fonte: wikipedia


Spero che questo blog sia di vosto gradimento, scusate se il mio italiano non è perfetto e se ci sono tanti ORRORI ortografici.... cmq accetto suggerimenti e correzioni ;)






Causa rellena de atún (Causa ripiena con Tonno)





Ricetta per 4 persone

INGREDIENTI:

Per la Causa:
  • 1 Kg di Patate di media misura
  • 100 ml di Olio di Semi di qualsiasi tipo
  • 100 ml di Succo di Limone - fossero Lime meglio
  • 2 Ajies Amarillos (peperoncino fresco giallo peruviano)
  • 2 Spicchi d’Aglio
  • Sale qb
  • Pepe qb
  • Lattuga qualche foglia
  • 2 Uova sode
  • Olive nere qb

Per il Ripieno:

  • 2 lattine di tonno da 78gr.
  • Maionese "peruviana" qb



PREPARAZIONE:


-Per la Causa-

. Lessate le patate in acqua salata. 

. Nel momento in cui saranno cotte, scolarle e togliere la buccia mentre sono ancora calde (attenzione a non bruciarvi, appena si saranno raffreddate un pó eseguire questa operazione) e passatele in uno schiacciapatate fino ad ottenere una purea senza grumi.

. Lasciate raffreddare il composto.

. Nel frattempo frullate l'ají amarillo previamente pulito (lavato, senza semi e senza peduncolo), l’aglio ed un goccio d'olio di semi sufficiente ad aiutare la "frullatura".

. Una volta frullato per bene il tutto, versate il composto sopra la purea di patate che ormai avrá raggiunto la temperatra ambiente.

. Aggiungete il  sale, il succo di limone e l’olio di semi.

. Procedete ad amalgamare il tutto (se lo fate con le mani, vi consiglio di usare dei guanti in lattice).


-Per il Ripieno-

. Mescolare il tonno con la maionese fino a creare una crema.

. A questo punto prendete una pirofila e fate un primo strato con il composto di patate alto all'incirca un paio di centimentri.

. Versare la crema di tonno e maionese e create un altro strato.

. Coprite la crema con un secondo strato di composto di patate.

. Mettere la pirofila a raffreddare in frigo per almeno un'ora.

. Una volta concluso potete tagliare la causa come se fosse una lasagna ed impiattarla guarnendola con una foglia di lattuga, un'oliva, fette di uovo sodo ed una foglia di prezzemolo.

Servire fredda.

Questo piatto puó essere accompagnato con una salsa criolla.


Buon appetito!

Cachanga - Pane fritto senza lievito

Con il termine cachanga si indica una tipologia di pane senza lievito tipico della zona settentrionale del Perù.

Tradizionalmente si trattava di un impasto di farina di mais anche se ai giorni nostri si prepara usando la farina di grano insieme ad altri ingredienti che successivamente viene fatto friggere e a seconda della zona, può essere servita o dolce o salata.

La cachanga ha un’origine piuttosto incerta: secondo alcune interpretazioni giunse in America latina dalla penisola iberica durante il periodo de Los Conquistadores, per altri invece deriva da una preparazione delle civiltà preispaniche, infatti, da alcune fonti storiche si evince che gli Inca erano soliti preparare un pane, chiamato Kachangu o kachampu a base di mais, acqua, anice e sale.

Questo prodotto ha ricoperto una funzione cerimoniale/religiosa: gli Inca offrivano in dono questo tipo di pane come segno di ammirazione alle persone di sesso opposto.

Questa usanza si è mantenuta durante tutta l’epoca coloniale, tanto da venir adottata anche dagli stessi spagnoli.

La tradizione dello scambio di questo dolce è andata persa, peró fino adesso la cachanga si limita a preparazioni fatte in case, infatti è difficile trovarla in vendita in negozi tipo panetterie, pasticcerie, etc...

http://www.fondazioneslowfood.com/it/arca-del-gusto-slow-food/cachanga-piurana/



 



INGREDIENTI:

  • 1 kg de farina
  • 5 uova
  • 125 gr de burro
  • Latte Intero
  • Circa 1 Cucchiaio di Sale


  • Olio di semi per la frittura



PREPARAZIONE: 

. Potete impastare gli ingredienti come solitamente si fa con la pizza, cioé sopra una superficie piana o dentro de una ciotola.. a voi la scelta!

. Mescolate la farina con circa un cucchiaio di sale e create una fontanella sul vostro piano da lavoro.

. Aggiungete le uova ed il burro.

. Con le mani iniziate ad ammalgamare il burro con le uove fino a quando non si sará sciolto e piano piano mescolate il tutto con la farina che avete intorno.

. Se notate che l'impasto sta rimanendo troppo duro da lavorare aggiungere un pó alla volta del latte, fino a quando la massa non sará liscia ed omogenea. Ricordate che deve essere un impasto soffice.

. Lasciate riposare il tutto per almeno 20 minuti.

. Trascorso questo tempo potete iniziare a tagliare con il coltello pezzi di impasto per poi stenderlo con il mattarello tra mezzo centimetro e un centimetro di altezza, a me piacciono sottili, ma non troppo perché poi tendono a bruciare in fretta.
Solitamente la forma e la dimensione della cachanga é irregolare.

. In una padella con l'olio caldo mettete a friggere las cachangas.
Devono esse dorate ed é normale se fanno fanno delle bolle mentre friggono.

É una ottima merenda o colazione per i piccoli, piace molto con la marmellata o con il latte condensato sopra, o se no, cosi come sono!!!

Buon appetito, spero vi piacciano.


Maionese



 


 INGREDIENTI:


  • 1 uovo
  • 1 spicchio d'aglio
  • 250ml di olio di semi
  • 1 succo di limone
  • 1 pizzico di pepe o cumino
  • Sale 1/2 cucchiaino aprossimativamente
  • 1 cucchiaino di mostarda (Opzionale)



 PREPARAZIONE:

. Nel frullatore mettiamo 1 uovo, 1 spicchio d'aglio, la mostarda, un pizzico di cumino o pepe (io personalmente uso il cumino) ed iniziamo a frullare a velocita minima.

. Mentre frulla aggiungiamo simultaneamente il succo di limone, e l'olio (poco a poco) fino a ottenere una crema, finalmente aggiungiamo il sale a piacere.

Conservare in frigo.



Salpicón de Pollo (Insalata Russa di Pollo)





INGREDIENTI:


  • 1/2 Petto di pollo bollito sfilacciato
  • 400g di Patate lesse
  • 200g di Carota lesse
  • 200g piselli precotti
  • 1 Cipolla media tritata grossolanamente
  • Limoni
  • Sale
  • 2 Uova sode
  • Foglie di lattuga
  • Maionese


PREPARAZIONE:

. Macerare la cipolla in limone e sale al meno per 1/2 ora.

. Tagliare a cubetti le patate e le carote.

. In una ciotola unire la cipolla macerata, le patate, le carote, i piselli, il sale, il pollo sfilacciato ed aggiungere la maionese fino a coprire il tutto completamente.

Servite ogni porzione sopra ad una foglia di lattuga accompagnato da mezzo uovo sodo.


Buon apettitto!!


Crema Volteada





INGREDIENTI:


  • 1 Lt di latte fresco intero
  • 2 Barattoli di latte condensato
  • 8 Uova
  • Vaniglia


PREPARAZIONE:

. Frullare tutti gli ingredienti.

. Caramellare uno stampo*.

. Aggiungere il composto nello stampo caramellato.

. Riempire una pirofila d'acqua fino a metà ed immergeteci lo stampo con il dolce.

. Infornare e cuocere il tutto a bagnomaria a 200°  per 35 - 40 minuti.

. L'acqua non dovrà mai bollire, quindi ogni tanto, se sarà necessario, aggiungere un pò d'acqua fredda nella pirofila.

Il dolce andrá servito freddo.


Spero vi piaccia, Buon Appetito!



*Per caramellare lo stampo:

. In uno stampo possibilmente di alluminio, aggiungere 100gr di zucchero e qualche goccia di limone. 

. Con l'aiuto di un fornello sciogliere lo zucchero dello stampo a fuoco medio fino a quando questo diventerà di un bel colore dorato. 

. A questo punto ruotare lo stampo affinchè  il caramello caldo non si spargerá per tutto lo stampo. 

Lasciate raffredare.




Leche Asada

 La Leche Asada, è un dolce peruviano simile al budino di latte.




INGREDIENTI:

  • 1 Lt de Latte intero
  • 7 Uova
  • 200 Gr di Zucchero
  • Vaniglia
  • 1 Barattolo di latte condensato Nestlè
  • Un pizzico di noce moscata


PREPARAZIONE:


. Frullate tutti gli ingredienti fino ad ottenere una crema omogenea e versarla dentro a pirottini di ceramica per creare dosi singole oppure allínterno di una pirofila per ottenere cosí un "budino" unico.
. Riempite d'acqua fino a metá una teglia (questa dovrá essere più grande della pirofila, se non usate i pirottini) ed immergetevi la prirofila con il composto.

. Infornate e cuocete il tutto bagnomaria per 35minuti a 180°.

. La parte superiore del doce dovrà caramellarsi, quindi dovrà avere un aspetto bruciacchiato.
. Può essere servito sia tiepido che freddo.

Buon Appetito!


Pisco

Pisco è una denominazione di origine che si riserva a una bevanda alcolica, appartenente ad una varietà di acquavite di vino, si produce nelle coste del Perù da finale del secolo XVI è il distillato per eccellenza del Perù.
Dipendendo delle uve usate nella sua elaborazione e distillazione, esistono 4 varieta di pisco peruviano:

Pisco Puro, speciale per la sua fina distillazione e per il uso di una sola varietà di uva no aromatiche come quebranta, mollar y negra corriente.
E un pisco di poco aroma, il obiettivo e non saturare il senso del olfatto e dare completa priorità al sapore, l'ideale per l'elaborazione del pisco sour, il preferito per il peruviani dalla variante quebranta.

Pisco Mosto Verde, proviene della distillazione di mosto fresco incompletamente fermentato, in altre parole si distilla il mosto prima che il zucchero sia trasformato in alcol, per questo tipo hanno bisogno di più quantità d'uva per litro di pisco, per questa ragione il suo prezzo aumenta.

Pisco Acholado, Proviene della mescola di diverse varietà d'uva o di pisco, acholado arriva dal termino Cholo che per il peruviano significa la mescola di razze oriunde delle Ande Peruviane, si avvicina al "blended" come il whisky escocese, il cognac, etc, è molto pregiato per gli intenditori.

Pisco Aromàtico, Elaborato con ceppi di varieta profumata come l'uva italia, moscato, torontel, albilla, sono ideali in cockteleria, con un 20% del mercato peruviano è dicono di più preferenza nel settore delle femmine.


Si riconoscono come uniche zone di produzione di questo liquore la regione di Lima, Ica, Arequipa, Moquegua come anche i valli della regione Tacna: Caplina, Locumba, y Sama.
Nella costa peruviana si localiza un valle, un fiume, un porto e una città chiamata Pisco, queste località figuravano già nelle prime mappe fatte per il Perù realizzato da Diego Mèndez nel 1574.


Per questo l'autentico Pisco è e sarà solo il PERUVIANO.







Preparazione del Pisco Sour





Pisco Sour



Il Pisco sour è un sour (cocktail) a base di pisco la cui invenzione è attribuita a Victor Morris, immigrato americano di Salt Lake City che si trasferì in Perù nel 1913. Dopo un iniziale periodo passato a lavorare per la Cerro de Pasco Railroad, Victor aprì il Morris Bar in centro a Lima che divenne in pochissimo tempo luogo di ritrovo dell'upper-class Peruviana e degli immigrati di madrelingua inglese.

Morris iniziò a servire Pisco Sour nel suo bar come alternativa al Whiskey Sour ed il cocktail continuò a mantenere popolarità anche dopo la morte di Morris nel 1929.

Benché la sua origine sia contesa dal Cile, appare perciò evidente che il cocktail sia nato in Perù.

Il Pisco Sour è anche la bevanda nazionale del Perù dove si festeggia addirittura una festa nazionale il primo Sabato di Febbraio

-Wikipedia-

Ricetta per 1 persona

INGREDIENTI:


6 Cucchiai di pisco puro peruviano (3 once)
2 Cucchiai di succo di limone          (1 oncia)
2 Cucchiai di sciroppo di zucchero di canna  (1 oncia)
1 Albume
5 Cubetti di ghiaccio
Amaro di Angostura *opzionale


PREPARAZIONE:


Nel frullatore aggiungiamo tutti gli ingredienti tranne l'albume e frulliamo per qualche secondo.
A questo punto aggiungiamo l'albume e frulliamo per altri 15 secondi.
Ora è pronto per essere servito!
Se disponete dell'amaro di angostura, aggiungetene due goccie ad ogni bicchiere preparato.






Coctel de Fresas (Cocktail di Fragola)





Ricetta per 4 persone


INGREDIENTI:


1 Bicchiere di pisco (liquore peruviano)
2 Bicchiere di fragole
1 Bicchiere di sciroppo di canna di zucchero
2 Cucchiai di succo di limone
1 Bicchiere di ghiaccio tritato


PREPARAZIONE:


Frullate tutti gli ingredienti con il ghiaccio, servite e chin chin!!



Coctel de Maracuyà (Cocktail di Maracuja)








Ricetta per 6 persone


INGREDIENTI:
6 Maracuja
1/2 Bicchiere di zucchero
1/2 Bicchiere di pisco (liquore peruviano)
Acqua


PREPARAZIONE:


Tagliare a metà i maracuja, estrarne la polpa e frullarla. Con l'aiuto di un colino a maglie fini scolate l'estratto di maracuja e versatelo in una brocca. Ora aggiungete alla brocca una quantità d'acqua pari al succo di maracuja ottenuto, lo zucchero ed il pisco.
Mescolate e servite con ghiaccio!!


Jugo de Papaya (Succo di Papaia)

La Papaia è un frutto tropicale che migliora la digestione, purifica l'organismo, fornisce un gran numero di vitamine, minerali, oligoelementi, e numerose sostanze antiossidanti che riducono lo stress ossidativo e la conseguente formazione di radicali liberi, rallentando l'invecchiamento cellulare. Ristabilisce l'equilibrio acido-base dell'organismo facendolo virare verso l'alcalinità, che è una condizione più salutare poiché ostacola la formazione di radicali liberi.

E' consigliata per digestioni lente, disturbi di tipo dispeptico come flatulenza, gonfiori intestinali, pesantezza postprandiale, soprattutto dopo abbondanti pasti proteici; stati di intossicazione, etc...

  


INGREDIENTI:


1/2 Papaia
Latte o acqua
Zucchero di canna


PREPARAZIONE:


Spellate la papaia, tagliatela a metà e pulitela dai semi. Tagliate a pezzi il frutto, mettetelo nel frullatore e copritelo con il latte, zuccherate a piacere e frullate.

Se desiderate potete sostituire il latte con due bicchieri colmi d'acqua.

Personalmete è più Buono con il Latte!!!





Jugo di Ananas (Succo di Ananas)

L’ananas é frutto tropicale ricco di potassio, di vitamine e contiene un importante enzima, la bromelia, che rende facilmente e velocemente assimilabili anche le proteine più complesse, sia della carne che del pesce; oltre a questo è anche una sostanza di base per la produzione farmacologia di antinfiammatori, utile per il riassorbimento degli edemi.




INGREDIENTI:


1 Ananas
Acqua
Circa 3 Cucchiai di Zucchero di Canna


PREPARAZIONE:


Sbucciate, tagliate la fruta a pezzi e aggiungetela nel frullatore insieme allo zucchero. Versate sufficiente acqua da coprire la frutta e frullate. Controllate quanto dolce è il composto e se necessario aggiungete ulteiore zucchero. Servite Fresco!!


Jugo de Mango (Succo di Mango, tipo Frappè)

Il mango è un frutto dal sapore tropicale, ricchisimo di betacarotene, zucchero e fibre, riconosciuto anche come frutto antitumorale.
Personalmente preferisco la qualità del mango peruviano e brasiliano per quanto sono dolci, ma sicuramente non vi è di più buono del mango Haden!



INGREDIENTI:


1-2 Mango grandi
Latte Intero Freddo
Zucchero di Canna


PREPARAZIONE:


Privare il mango della sua buccia e del seme.Tagliate la polpa a pezzettoni.
In un frullatore versate la polpa di mango,il latte (che non dovrà coprire la frutta) ed aggiungete lo zucchero.
Frullate, servite inmediatamente.